VERSO LE ELEZIONI. “DOSSIER COLONNA”: TROPPO POCHI I LAVORI PUBBLICI E GLI OBIETTIVI STRATEGICI RAGGIUNTI

0
489

In questa seconda parte del nostro Dossier – dedicato al quinquennio amministrativo, che sta per concludersi, del Sindaco Giuseppe Colonna – ci occupiamo degli “Obiettivi Strategici” da raggiungere, enunciati dal primo cittadino nel fondamentale DUP (Documento Unico di Programmazione), e del Piano triennale delle opere pubbliche, con particolare riferimento al 2022. Tutto al fine di verificare se Colonna ha conseguito o meno i risultati prefissati, contenuti nei documenti ufficiali comunali della sua Amministrazione. Ecco l’esito della nostra verifica oggettiva, con il commento finale.

Dopo la prima parte del nostro Dossier dedicato alla verifica del programma amministrativo presentato all’atto dell’insediamento dal Sindaco Giuseppe Colonna

DOSSIER. VERSO LE ELEZIONI: IL SINDACO COLONNA ALLA VERIFICA DEI FATTI. ECCO SUCCESSI E FALLIMENTI | Mola Libera – Giornale Indipendente

ecco la seconda parte.

In essa prendiamo a riferimento, anche in questo caso punto per punto, tutti gli obiettivi strategici enunciati dal Sindaco Colonna nell’ultimo DUP (Documento Unico di Programmazione) approvato per il triennio 2022-2024, che è il principale strumento per la guida strategica e operativa di un comune italiano, e rappresenta il presupposto necessario di tutti gli altri strumenti di programmazione, a cominciare dal bilancio di previsione.

Il Sindaco Giuseppe Colonna in Consiglio comunale

Insieme all’esame degli obiettivi strategici, analizzeremo anche l’ultimo piano triennale delle opere pubbliche approvato dal Consiglio comunale, con particolare riguardo alla pianificazione prevista nel 2022 (ormai consuntivabile).

Al seguente link è possibile scaricare, in maniera integrale, il DUP 2022-2024 approvato dal Consiglio comunale:

CLICCA E SCARICA DUP

In particolare, la tabella degli “Obiettivi strategici”, da noi ripresa integralmente, si trova alla pag. 34 del documento ed è così introdotta

“L’individuazione degli obiettivi strategici consegue a un processo conoscitivo di analisi strategica delle condizioni esterne all’ente e di quelle interne, sia in termini attuali che prospettici e alla definizione di indirizzi generali di natura strategica. Pertanto, alla luce delle considerazioni fin qui svolte ed in riferimento alle previsioni di cui al punto 8.1 del Principio contabile n.1, si riportano, nella tabella seguente, per ogni missione di bilancio, gli obiettivi strategici che questa amministrazione intende perseguire entro la fine del mandato.”

Accanto alla colonna “Obiettivi strategici di mandato”, abbiamo provveduto a creare una colonna aggiuntiva che riporta i RISULTATI conseguiti dall’Amministrazione Colonna dagli inizi del mandato a tutt’oggi. Tali risultati sono stati attinti da documenti ufficiali del Comune di Mola e dalle stesse dichiarazioni del Sindaco, sia in Consiglio comunale che attraverso comunicati stampa e mediante interventi sui “social”.

Inoltre, per dare una visione ancora più immediata, abbiamo affiancato un’ulteriore colonna con un VOTO, da 0 a 5, per classificare in maniera sintetica i risultati: lo 0 è utilizzato in caso di assenza totale di risultati; il 5 per il raggiungimento pieno e i voti intermedi da 1 a 4 per risultati parziali più o meno sufficienti.

Come si può notare, con questa forma tabellare si rende molto più sintetica l’analisi del documento delle “Linee programmatiche del quinquennio 2018-2023” del Sindaco Colonna. Infatti, laddove in quel testo si riportavano lunghe premesse agli punti programmatici da raggiungere, qui, invece, si restringe il campo, in maniera sintetica, agli  obiettivi strategici, cioè considerati più importanti da conseguire.

ECCO LA TABELLA DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI DEL SINDACO COLONNA CON I RISULTATI CONSEGUITI

Loader Loading…
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Scarica il documento

Dalla lettura attenta della tabella si può notare come attraverso la descrizione dei risultati, accompagnata da un punteggio di sintesi, la verifica ulteriore sull’operato del Sindaco Colonna e della sua Giunta non raggiunga affatto la sufficienza. E’ infatti troppo ricorrente la presenza di un punteggio pari allo zero, per assoluta mancanza di risultati. 

Naturalmente, è possibile da parte del nostro giornale qualche errore e/o omissione che preghiamo eventualmente di segnalare per le opportune correzioni e rettifiche.

IL PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2022-2024 E, NELLO SPECIFICO, QUELLO ANNUALE DEL 2022

Una riprova degli scarsi risultati amministrativi raggiunti la si ottiene da un’ulteriore verifica, quella relativa all’Elenco triennale delle opere pubbliche che ogni Comune è tenuto ad approvare annualmente insieme alla sessione di bilancio e che esplicita per ogni anno corrente, con maggiore evidenza, l’elenco annuale.

Al seguente link è possibile scaricare, in maniera integrale, il Programma Triennale delle Opere Pubbliche 2022-2024 approvato dal Consiglio comunale:

CLICCA E SCARICA IL PROGRAMMA

Vediamo quali sono le opere pubbliche previste nel triennio 2022-2024.

Per maggiore comodità di lettura, la tabella che presentiamo è stata ridotta nelle colonne non indispensabili ai fini della più diretta conoscenza della descrizione delle opere nonchè degli importi previsti:

Loader Loading…
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Scarica il documento

E ora, per una migliore comparazione, esaminiamo le opere pubbliche previste nel 2022, classificandole in base alla loro realizzazione e, comunque, alla loro eventuale aggiudicazione in una gara d’appalto:

Loader Loading…
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Scarica il documento

Il solarium previsto nella zona classificata non balneabile della Rotonda e del Canalone di Sant’Antonio, classificato ad Alta pericolosità idraulica dal Piano di Assetto Idrogeologico (PAI) della Regione Puglia

E’ del tutto evidente come il programma triennale delle opere pubbliche, uno dei motivi fondamentali che hanno condotto Colonna a scegliere l’arch. Nico Berlen in qualità di assessore al ramo, non abbia prodotto nel 2022 gli esiti prefissati (e così ancor più negli anni precedenti), se è vero, come è vero, che dei 20 progetti da realizzare ne siano stati aggiudicati soltanto 7, di cui ben 6 risultano aggiudicati l’ultimo giorno utile, il 31-12-2022, per evitare la perdita dei finanziamenti, come è chiaramente indicato nella determina del Capo settore Lavori pubblici per l’esito della gara multi-lotto, che così riporta: 

“VALUTATO lo strumento dell’accordo quadro utile ed idoneo a soddisfare l’anzidetta esigenza del Comune di Mola di Bari di individuare gli operatori economici a cui affidare i lavori entro il 31.12.2022, pena la perdita dei finanziamenti sopra esplicitati;”

GARA MULTILOTTO: CLICCA E SCARICA

Soltanto l’intervento relativo alle Opere di manutenzione straordinaria delle strade è in corso, peraltro con risultati molto discutibili in termini di lavori eseguiti, come mostrano le numerose lamentele dei cittadini residenti nelle vie interessate dalle attività di bitumatura.

Lavori di bitumatura in corso in sedici vie cittadine

VALUTAZIONI E CONCLUSIONI

E’ del tutto evidente come buona parte delle opere pubbliche elencate si trascinino da anni nella loro enunciazione, perfino da decenni (come nel caso di quelle previste nel PRU Cozzetto fin dal 1999: asse attrezzato di Viale Paolo VI e Giardini dell’ex mercato coperto di Via De Gasperi e quelle del fronte mare del Piano Bohigas del 2001), sempre sotto l’egida dell’Assessore Berlen che, oltre all’Urbanistica, ha diretto i Lavori pubblici del Comune di Mola per un ventennio (1996-2000; 2000-2005; 2005-2010; 2018-2023).

Lungo questa direttrice, su Via Paolo VI, che va da Viale Europa Unita al cavalcaferrovia, è prevista la realizzazione dell’asse attrezzato con aree a verde, parcheggi e pista ciclabile. La previsione, con gara aggiudicata soltanto il 31-12-2022 (data ultima utile per evitare la perdita dei finanziamenti), risale al 1999, anno di approvazione del PRU Cozzetto.

Con questo lungo corso dell’Assessore Berlen (peraltro anche Sindaco nel quinquennio 2005-2010, con l’interim assessorile dell’Urbanistica e Lavori pubblici), un tempo così protratto mai ricoperto con incarichi di vertice da nessun altro politico locale, Mola avrebbe già brillato come una perla sul Mare Adriatico: eppure siamo ancora ad inseguire vecchi progetti mai portati a termine e futuribili idee di scarsa concretezza e affidabilità, mentre la nostra città vede un continuo decadimento nel mantenimento dei beni e dei luoghi pubblici, coniugata ad una inarrestabile caduta degli indicatori demografici e socio-economici.

L’Assessore all’Urbanistica e Lavori pubblici Nico Berlen, nel corso della seduta di Consiglio comunale del 30-11-2022. Berlen ha amministrato in posizioni di vertice per un ventennio: mai nessun politico molese ha governato così a lungo.

In definitiva – sia per gli OBIETTIVI STRATEGICI elencati nel DUP (Documento Unico di Programmazione) che per l’ELENCO delle OPERE PUBBLICHE, con particolare riferimento all’annualità 2022, alla pari dei punti programmatici di consigliatura (si veda il nostro Dossier precedente) – il Sindaco Giuseppe Colonna non supera la verifica dei fatti.

La consigliatura è ormai alle battute finali, spirando tra qualche mese con la fissazione della data delle elezioni comunali: senz’altro il Sindaco potrà segnare qualche altro “colpo” amministrativo nelle prossime settimane, ma certamente non potrà centrare gran parte degli obiettivi da egli stesso enunciati, ma spesso clamorosamente mancati o comunque accantonati.

“Mola Libera”, applicando il metodo di “fact checking”, verifica dei fatti, evidenzia la dissonanza, che caratterizza solitamente i politici di ogni appartenenza, tra gli enunciati, in specie quelli riportati nei documenti ufficiali, e le concrete realizzazioni.

Peraltro, nel caso degli amministratori pubblici è sempre più in voga il costume di comunicare agli amministrati in maniera enfatica attraverso i “social”, mettendo in luce molto spesso elementi propagandistici più che fattuali.

Ci auguriamo che la campagna elettorale in rapido avvicinamento segni un’inversione di tendenza, almeno nella formulazione dei programmi, che dovrebbero essere organici ma snelli e credibili, con punti strategici qualificanti che vadano nella direzione di un effettivo miglioramento delle condizioni sociali, economiche e culturali della cittadinanza – abbandonando i “libri dei sogni” di realizzazioni impossibili o vanagloriose e ad “effetto scenico” – e, in ogni caso, con lo sguardo rivolto sempre e prima di tutto alle necessità più evidenti.

Mola ha bisogno di sviluppo economico, ma questo deve essere basato non su una visione di “grandeur” e di “effetti speciali” ma improduttivi, come è invece avvenuto nel corso di questo quinquennio, quanto attraverso concrete iniziative che stimolino la crescita della base produttiva, l’occupazione e il reddito dei molesi.

Infine, ma non da meno, una città non può vivere civilmente e presentarsi al cospetto di altre comunità e del mercato turistico, senza curare il decoro, la pulizia, l’ordine, la tenuta della rete stradale cittadina e la manutenzione costante di ogni luogo pubblico. Sono valori elementari che a Mola, purtroppo, mancano da troppo tempo.

E’ per questo che, all’avvio della campagna elettorale, valuteremo con attenzione i programmi presentati dai singoli candidati sindaco e dalle coalizioni che li sosterranno.

Ma questa è un’altra storia, che scriveremo tra qualche mese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here