PCTO: GLI STUDENTI DEL MECCATRONICO DI MOLA ALLA STAZIONE AEROMOBILI DELLA MARINA MILITARE

5
887

Quali sono le figure professionali richieste dal nostro territorio? Come risponde la scuola alle esigenze del mercato del lavoro? Questo articolo, scritto dagli studenti dell’articolazione meccanica e meccatronica di Mola, ci informa sulle iniziative formative intraprese a favore del futuro dei nostri ragazzi: dall’utilizzo del software per l’ausilio all’impiantistica edilizia fino alla visita alla Stazione Aeromobili MARISTAER della Marina Militare di Grottaglie.

PCTO QUARTO ANNO MECCATRONICO CON L’ACCA SOFTWARE E VISITA PRESSO LA STAZIONE AEROMOBILI MARISTAER DI GROTTAGLIE

Durante l’anno scolastico abbiamo svolto, come percorso per le competenze trasversali e di orientamento (Ex Alternanza Scuola Lavoro), un corso sul programma “Edificius” (ACCA software); si tratta di un software veloce ed intuitivo di progettazione 3D, che permette di generare in automatico piante di edifici, prospetti, sezioni etc.

Infatti, una delle attività svolte da un tecnico meccatronico non molto note è il tecnico impiantista, una figura professionale che richiede svariate conoscenze, anche di principi di edilizia. La determinazione dei vari impianti edili (elettrici, idrico-fognari, automatici per l’apertura/chiusura di cancelli per garage) è fatta partendo proprio dalla struttura dell’edificio.

E’ dunque con queste finalità che abbiamo imparato a disegnare planimetrie dettagliate in due dimensioni (2D) e tre dimensioni (3D) con il software “Edificius” della nota azienda in campo tecnico.

La particolarità del software “Edificius” è di essere di supporto alle moderne attività dell’impiantista, in termini di BIM (Building Information Modelling). Infatti, abbiamo appreso che nelle nuove normative a supporto della moderna edilizia è prevista la creazione di una specie di scheda personalizzata dell’edificio, in cui poter scrivere la sua storia, dall’atto della costruzione alle successive opere di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Tale scheda viene redatta sia dal punto di vista strutturale, che impiantistico e contiene tutte le informazioni necessarie per individuare il singolo edificio, compreso i tipi di materiali utilizzati per la costruzione di ogni singola sua parte.

 E’ per questo che si riescono ad ottenere anche gli elaborati di progetto aggiornati ad ogni modifica, con il relativo computo metrico.

Esempio di struttura realizzata

Alla fine di tale percorso abbiamo scoperto nuove possibili spendibilità del nostro titolo di studio. Possibilità che aprono nuovi orizzonti al nostro futuro.

Ma il PCTO non si è fermato solo a questo. Dulcis in fundo, il 6 Giugno 2022 le quarte e le quinte meccatroniche, insieme riunite, sono partite per visitare la Stazione Aeromobili MARISTAER della Marina Militare di Grottaglie, accompagnate dai docenti Irma Divella, Ing. Chiara Furio, Ing. Damiano Massaro, Rosa Martinelli.

La visita e ogni attività svolta presso la stazione aeromobili è stata possibile grazie al Comandante della base, il Capitano di Vascello Giovanni Esposito.

Appena arrivati, siamo stati accolti nell’Aula Magna dai due 1° luogotenenti Davide MINZERA e Gianluca BERARDI, che ringraziamo per l’accoglienza e l’esperienza formativa che ci hanno donato. Lì, abbiamo fatto un briefing sulla sicurezza e il 1° luogotenente Davide MINZERA ci ha mostrato un video di benvenuto riguardo la base.

Subito dopo ci siamo diretti agli Hangar del Gruppo Aerei Imbarcati dove è stato possibile vedere da vicino la turbina di un TAV-8B Harrier Plus, la cui peculiarità è il decollo in verticale.

abbiamo appreso l’importanza di conoscere ed avere dimestichezza con la lingua inglese, in quanto tutta la componentistica è composta da pezzi meccanici assemblati da diverse nazioni che, a differenza di quanto accadeva nel passato, ora cooperano per arrivare a costruire mezzi sempre più avanzati.

Inoltre è stato possibile avvicinarsi al velivolo per vedere la cabina di pilotaggio e porre domande sulle varie caratteristiche che esso possiede.

Sempre per quanto riguarda i Gruppi di Volo, abbiamo visitato il Quarto Gruppo Elicotteri che, grazie alle loro capacità, svolgono attività di difesa, di sorveglianza (grazie all’utilizzo di sofisticati radar) e di soccorso. Infatti questa tipologia di elicottero è stato utilizzato nei soccorsi della Costa Concordia e della Norman Atlantic grazie all’utilizzo del verricello che arriva ad una lunghezza massima di 80 metri.

In seguito abbiamo visto l’utilizzo del Simulatore di Volo che riproduce interamente la postazione del pilota e che è possibile utilizzare in qualsiasi condizione atmosferica. Il suo utilizzo permette di incrementare l’esperienza del pilota, il quale ha a disposizione tutti i comandi dell’aereo che un domani si troverà a pilotare effettivamente.

Infine abbiamo visitato la Sala Storica dell’Aviazione Navale dove ci sono stati spiegati i vari processi che hanno portato alla nascita della Marina Militare e ci è stato mostrato il brevetto di volo di Mario Calderara, primo pilota italiano a conseguirlo.

Ci sono state mostrate tutte le fasi che, grazie all’utilizzo di tecnologie sempre più innovative, l’uomo è riuscito a compiere sui velivoli, dai primi idrovolanti fino agli elicotteri dei giorni nostri.

Abbiamo visto la tuta che indossano i piloti con l’imponente equipaggiamento che risulta indispensabile in caso d’emergenza e ci è stata mostrata una replica di una sala che sulle navi viene utilizzata per i briefing prima delle missioni.

Un particolare di questa stanza che ci ha colpito sono state le luci di colore rosso che, come ci è stato spiegato dal 1° luogotenente, servono per evitare l’accecamento che potrebbe avvenire in presenza di luci bianche, nell’eventualità di un’ emergenza.

Come ricordo di questa fantastica esperienza abbiamo scattato una foto tutti insieme sotto il modello in scala 1:1 del TAV-8B Harrier Plus.

 

Gli alunni della classe 4BM (PCTO QUARTO ANNO MECCATRONICO CON L’ACCA SOFTWARE): Francesco Bufo, Roberto Recchia, Nicolò Colella e Vito Maiellaro

L’alunno della classe 4AM (PCTO VISITA PRESSO LA STAZIONE AEROMOBILI MARISTAER DI GROTTAGLIE):   Domenico Rocco Di Bari

5 Commenti

  1. Una fantastica esperienza e un onore, insieme ai ragazzi di 4AM. Ma soprattutto un’espressione delle grandi potenzialità e dell’organizzazione tattica per un apprendimento mirato dei ragazzi di cui l’IISS Da Vinci Majorana è capace. Avanti così, tenete alta la qualità formativa che l’istituto può esprimere!

  2. Bravi, ragazzi!
    L’ entusiasmo e la curiosità che vi contraddistinguono, vi hanno permesso di compiere un’esperienza arricchente, a livello formativo ed umano.
    Siete la testimonianza di una scuola di qualità!

  3. Bravi. La progettazione BIM è richiestissima nel mercato del lavoro ed è importante che gli studenti abbiano la possibilità di conoscere questi software in modo da appassionarsi. Così, se lo vorranno, potranno consapevolmente continuare ad approfondire e trasformare queste competenze in lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here