DISANTO: “SE NON SIAMO CAPACI DI TENERE IN ORDINE MOLA, COME POSSIAMO DIVENTARE UNA META TURISTICA?”

5
1199

“Come può, un paese che aspira ad entrare tra le mete turistiche presentandosi con un suo “brand” ad importanti appuntamenti con operatori turistici e stampa, pensare di ricevere commenti positivi quando non è capace di rendere accettabili i suoi luoghi più rappresentativi?” – così inizia la lettera a “Mola Libera” dell’ing. Giandonato (Gianni) Disanto, esperto in marketing turistico, che più volte ha chiarito il suo punto di vista agli Amministratori, purtroppo inascoltato.

Riceviamo dall’ing. Giandonato Disanto e pubblichiamo:

Giandonato Disanto

Le sedie di un bar, accatastate da ottobre, come fosse un deposito privato, un recinto per galline con pavimento sconnesso, lì presente da tre anni, i tavolini accatastati con i piedi verso l’alto, a fianco ai clienti seduti a prendere il caffè, i bidoni della differenziale, in bella mostra, i cumuli di bancali di un bar, sul verde pubblico, davanti al Castello, il fossato del Castello pieno di luridume, gli arredi del bar che occupano il marciapiedi, impedendo il passaggio dei pedoni, la superficie dell’acqua del porto vicino alla passeggiata, cosparsa di polistirolo e tanto altro.

Forse, a Mola si è abituati ad invitare le persone a casa propria e poi fare trovare, in salotto, il raccoglitore dell’immondizia pieno e debordante di porcheria.

Se, a livello di Amministrazione, di operatori di attività a contatto con il pubblico e di cittadinanza non si riesce a capire quali debbano essere i canoni del vivere civile, allora sarebbe meglio chiudere le porte al prossimo e vivere nello schifo di casa propria, piuttosto che addossare agli…altri le proprie responsabilità ed il proprio concetto di ospitalità nello schifo.

I forestieri, quando richiamati, vengono, notano le schifezze, prima ancora che le cose belle, ne traggono le conclusioni e poi, sono quelli i messaggi che si portano dietro, non le foto delle cartoline.

Tutte le foto sono dell’ing. Disanto)

 

5 Commenti

  1. Che dire di più quando è una autorevole “voce” a descrivere il degrado! Non possiamo che essere in piena sintonia con l’ingegnere, essendo testimoni quotidiani di un paese immerso nella mediocrità! Qui a Mola di Bari la vocazione turistica non esiste.

    • Mi auguro solo che chi legge, non si chiuda nelle dalle continui a dire che “a Mola sono (sempre gli altri)’ così. Vorrei che si scatenasse una reazione a quello che ho fotografato (insieme a tanta altra gente che era lì, domenica sera, a passeggiare sul mare), ma ho paura di accorgermi che quanto scritto sarà solo addebitato …agli altri.

  2. Esercitare una dirigenza, esercitate un comando ,implica l’assunzione diretta di tale compito , non demandare sostituti tramite compiuter o cellulari .Il Comandante di una nave esercita dalla plancia di Comando.Il Dirigente di un’azienda presiede un direttivo.Un sindaco, esercita il proprio mandato con gli uffici in attività in maniera diretta e non in dopolavoro!Se entro il primo anno la macchina Comunale non parte, con molta probabilita’ il problema è dirigenziale, il cittadino ha bisogno di una guida! Siamo quasi al quinto anno di gestione è possibile attendere ancora la partenza??????????????

  3. Qui non funziona nulla,e vero che in tanti di noi siamo sporcaccioni. Ma da parte del palazzo comunale ,tutto tace e tutto fermo .sinceramente non mi spiego il perchè di tanto menefreghismo del palazzo comunale.ma vorrei sapere chi è il responsabile per l’ordine e il decoro della nostra cittadina.tutti i giorni il mio percorso mi porta ad usare la complanare da Mola a Torre a Mare,e scandaloso dei sacchetti di rifiuti abbandonati,e certo e cominciata l’estate tutti quelli che posseggono ville o camere sulla litoranea abbandonano i rifiuti erchè sicuramente non pagano i tributi

  4. Allora sveliamo qualche verità Scomoda purtroppo, lo so a qualcuno non piacerà, ma a pensar male è vero si fa peccato, ma si indovina sempre…! Poi non è detto che la Verità fa sempre male. Badate che scrivere o esternare la verità non è scandalo eh, anzi… Dipende dai contesti dove viene enunciata. Ma c’è anche il dubbio che più di qualcuno non sia nell’esercizio delle sue funzioni in questa maggioranza al comune di Mola eh…! Facciamola breve su e cerchiamo di capirci senza fare gli ipocriti, sono decenni e decenni che in ogni dove (oramai in tutto il mondo) insegnano e si insegna: eh ma se non hai i soldi non sei nessuno oggi come oggi, se ti capita la fortuna di essere eletto o di ricoprire cariche importanti, approfitta più che puoi perché non durerà in eterno e si vive una volta sola, se ti devi sposare (ti dicono anche, ma è meglio non sposarsi più oggi) trova uno/a pieno/a di soldi altrimenti soffrirai, a non fare più figli altrimenti non vivi più, ai giovani viene raccomandato (non senza minaccie) di andar via dal paese natio (dopo gli studi), via si, anche all’estero, altrimenti muori di fame ecc, a non avere più pietà di nessuno perché le genti oggi sono delle xxxxx e non meritano rispetto, niente, ecc ecc, mi fermo qui perché dovremmo esserci capiti…! Insomma ci stiamo IMBARBARENDO IMBESTIALENDO e non ce ne rendiamo conto, è questa la realtà che viviamo ma cerchiamo di mistificarla!!! Il principale problema di oggi sta nel fatto che tanti giovani oggi come oggi, dopo gli studi vengono dirottati nella politica perché si sa, ci sono da amministrare un mare di soldi all’infinito, giovani magari che lo fanno circuiti dai lauti guadagni popolarità carriera ecc, ma incapaci inetti ecc. Hanno distrutto (politica è politici) e continuano a distruggere quei pochissimi Valori Umani che ci restano ancor’oggi, in Favore del nuovo dio che regna sulla Terra, il nuovo, il Dio Denaro purtroppo per tanti di noi, Mola non è un caso, vero. Allora direi: da dove dobbiamo ri/cominciare per riprenderci e ripristinare l’UMANITÀ da tanti calpestata cancellata odiata ecc, visto che si vive solo una vita sul Pianeta Terra…!!!??? Riflettete bene, perché vivere tutti una vita anche più che dignitosa Si Può…!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here