DANIELE: “LA GIUNTA SCARICA SULLA CAPITANERIA I RITARDI NEL RINNOVO CONCESSIONI PORTUALI”

1
467

E’ quanto sostiene Michele Daniele, consigliere comunale del Movimento 5 stelle, rendendo nota la sua articolata interrogazione al Sindaco e agli Assessori Berlen e Orlando. Per Daniele la Giunta non ha praticamente dato risposte alle sue 12 domande, se non uno scaricabarile sulla Capitaneria di porto in merito ai ritardi nella concessione dei nuovi ormeggi, dopo l’operazione di sgombero di tutte le imbarcazioni attraccate abusivamente, avvenuta nello scorso ottobre 2020.

Riceviamo dal consigliere comunale Michele Daniele (M5S) e pubblichiamo:

Nella scorsa seduta di Consiglio Comunale ho rivolto, al sindaco e/o agli  assessori competenti, una interrogazione sulla tematica del rinnovo delle concessioni per l’ormeggio di imbarcazioni da diporto e barchette sullo specchio acqueo di via Lungara Porto. 

Una fase delle operazioni della Guardia costiera per la rimozione delle imbarcazioni ormeggiate abusivamente nello specchio portuale di Mola (ottobre 2020)

(Nota della Redazione: Ricordiamo la vicenda con un link all’articolo di “Mola Libera” del 14-10-2020):

https://www.molalibera.it/2020/10/14/13606/

Ho formulato 12 domande nel modo più chiaro e preciso possibile sperando di avere risposte chiare e precise.

Il consigliere Michele Daniele, M5S

Il sindaco ha lasciato che a (non) rispondere fossero l’assessore Orlando e l’assessore Berlen. Riportiamo  le domande poste e le non risposte ricevute.

  1. Si conosce a che punto è l’indagine sui destinatari del pagamento degli ormeggi negli anni precedenti in quello specchio d’acqua

–  No. L’assessore non sa neanche se l’indagine esiste (cosa di cui la stampa locale aveva già dato notizia nello scorso ottobre).

  1. Il Comune, nei circa 3 anni di questa amministrazione, ha incassato qualche tributo dalle concessioni esistenti nell’area suddetta, se esistevano concessioni?

– Nessuna risposta.

  1. Se sì, è possibile conoscere l’importo delle somme incassate dal Comune durante la presente amministrazione per tali concessioni?

– Nessuna risposta.

  1. In base all’art. 42 del TUEL (ed in particolare in base ai commi 2b, 2e, 2f, 2l e al comma 4) che disciplina le competenze del Consiglio Comunale, si ritiene che l’atto di indirizzo relativo all’offerta di queste concessioni sia di competenza della Giunta e non del Consiglio, soprattutto in considerazione del fatto che manca un Piano Regolatore Portuale?

– L’assessore Berlen non ha voluto esprimersi asserendo che la tematica è complessa e che fornirà risposta esauriente prossimamente. Quando ho  fatto notare che in una lettera inviata nel 2014 da Berlen al sindaco dell’epoca, esprimendo esattamente la tesi che questa tematica è del Consiglio Comunale e non della Giunta, l’ineffabile assessore ha risposto che le cose cambiano (!).

  1. Si ritiene inutile il contributo del Consiglio sulla fissazione di criteri per l’assegnazione delle concessioni atte ad evitare, per es., che una singola associazione possa accaparrarsi un gran numero di ormeggi disponibili, a scapito di altre associazioni o di singoli possessori di imbarcazioni?

– Nessuna risposta.

  1. Si ritiene quindi non opportuno fissare una superficie massima assegnabile ad una singola associazione o discutere sulla ripartizione delle aree assegnate alle associazioni rispetto a quelle assegnate ai singoli possessori di imbarcazioni?

– Nessuna risposta.

  1. Si ritiene congruo il periodo di tempo assegnato (17 giorni) per la presentazione della manifestazione di interesse?

– Nessuna risposta.

  1. E’ possibile conoscere il numero di richieste pervenute e per quale percentuale di assegnazione delle aree disponibili?

– Nessuna risposta.

  1. Sono pervenuti i pareri di legge espressi dalle competenti Autorità interessate al Demanio Marittimo?

– No. Tutta la responsabilità del ritardo nel rilascio delle concessioni è stata scaricata sulla locale Capitaneria di Porto.

  1. Se fossero disponibili ancora specchi d’acqua assegnabili, si prevede una riapertura dell’avviso pubblico?

– Nessuna risposta.

  1. Considerando che le imbarcazioni, soprattutto quelle in legno, attualmente in secca, tendono a deperirsi velocemente, non si ritiene opportuno dare immediatamente risposta ai richiedenti delle concessioni?

– La giunta ne è cosciente e sta facendo “tutto il possibile” per rilasciare le concessioni.

  1. E’ possibile conoscere una data certa entro cui tali concessioni verranno rilasciate?

– Non è possibile prevedere una data. Ma la Giunta sta lavorando notte e giorno per rilasciare le concessioni “nel più breve tempo possibile”.

Ancora una volta, anzichè affrontare con serietà una problematica seria, condividendo eventualità difficoltà esistenti, questa giunta rifugge dalle proprie responsabilità, le scarica addosso ad altri e si esibisce nelle solite promesse di “faremo”, “stiamo lavorando”, “nel più breve tempo possibile” e simili espressioni prive si significato.

Con questo sindaco e questa giunta va così: mai ‘na gioia.

Una fase delle operazioni della Guardia costiera per la rimozione delle imbarcazioni ormeggiate abusivamente nello specchio portuale di Mola (ottobre 2020)

1 commento

  1. È proprio il caso di ricordare che siamo tutti nella stessa “Barca”, è ridicolo scellerato e inaccettabile che qualcuno remi in direzione opposta, non è un segnale di crescita, di ulteriore arricchimento verso la Civiltà. Sono pessimi segnali di negligenza lassismo degrado morale decadenza dell’animo.. Stop agli vergognosi scaricabarili, Basta, ognuno nel suo ruolo deve dare tutto l’impegno che gli Compete e nel caso sollecitare i subordinati al rispetto e celerità delle proprie competenze. Tutti x uno, uno x Tutti e vorrei ricordare che di notte bisogna riposare e dormire x essere freschi e attivi il giorno seguente, ma insomma..! Uniti x lanciare Mola verso qualcosa di Unico è Inimmaginabile fino ad ora, questo slogan Vi deve accomunare d’ora in poi..! Smettetela una volta x tutte, Basta..!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here