“DA VINCI – MAJORANA”: RAGAZZE MOLESI, LA MECCATRONICA VI ASPETTA!

6
919

L’IISS “Da Vinci – Majorana” di Mola è impegnato in un “Percorso per le Competenze Trasversali e l’Orientamento” con l’azienda partner Mitsubishi Electric Europe, nell’ambito della specializzazione in “Meccatronica”. Ecco tutte le prospettive del lavoro del futuro: un’opportunità aperta non solo ai giovani maschi ma anche alle ragazze molesi.

Venerdi 12 febbraio alle 17:30 si è tenuta una importante e significativa videoconferenza su piattaforma Google Meet, organizzata dall’IISS “Da Vinci-Majorana” di Mola di Bari, d’intesa con l’azienda partner Mitsubishi Electric Europe B.V., per la presentazione del Progetto PCTO (Percorso per le Competenze Trasversali e l’Orientamento), l’ex “Alternanza Scuola-Lavoro”, per l’anno scolastico 2020-2021.

Una veduta complessiva dei partecipanti alla videoconferenza IISS “Da Vinci – Majorana” – Mitsubishi Electric Europe

In particolare, la presentazione ha riguardato il progetto PCTO con tema “Innovazione Meccatronica 2030 Step-One”, per le classi IIIAM- IIIBM- IVA Indirizzo MECCANICA e MECCATRONICA, in un incontro virtuale (dovuto alla pandemia in atto) con alunni, famiglie e azienda partner, curato dalla prof.ssa ing. Chiara Furio e dal prof. ing. Francesco Susca.

“Mola Libera” è stata invitata a partecipare alla videoconferenza e, ben volentieri, abbiamo accolto l’invito della prof.ssa Furio.

In particolare, dopo il saluto introduttivo della prof.ssa Elena Santo a nome del Dirigente scolastico prof. Andrea Roncone, la prof.ssa Furio ha presentato la programmazione prevista.

Ecco la presentazione del programma:

(per scorrere il documento, cliccare in basso a sinistra sulle icone con le frecce)

presentazione PCTO- venerdì 11 febbraio

Molto interessante è stata la presentazione di un breve video, curato dallo studente Domenico Rocco Di Bari, che ha mostrato la realizzazione, curata dai giovani dell’indirizzo “Meccatronica”, di modelli di automazione industriale per l’attività di escavazione.

A tal proposito, l’ing. Francesco Susca, tutor che seguirà la programmazione per la 4^ classe, si è soffermato sull’importanza dell’automazione nei processi produttivi, grazie alle forti ricadute che essa riveste su tutti i sistemi, rendendoli sempre più efficienti.

L’Azienda partner: Mitsubishi Electric Europe

L’azienda partner nel programma di formazione, la Mitsubishi Electric con sede italiana principale a Agrate Brianza, e numerose altre sedi sul territorio nazionale, è stata rappresentata nella videoconferenza da Roberta Salvaderi, dell’Ufficio Corporate Communication & CSR e da Andrea Pagan, Service Business Developer per la Divisione Factory Automation & Mechatronics CNC.

La filiale italiana di Mitsubishi Electric – multinazionale giapponese, che quest’anno ha compiuto 100 anni dalla sua fondazione – ha la propria sede principale ad Agrate Brianza.

All’interno della sede è presente la Demo e Training Room, centro espositivo e formativo della Divisione Factory Automation. Adiacente alla sede è operativo il Training Centre, il centro dedicato totalmente alla formazione tecnica per i prodotti della Divisione Climatizzazione, vero e proprio polo di eccellenza tecnologica. Uffici commerciali sono inoltre presenti a Padova, Roma, Rosà (Vicenza) e Torino.

La sede principale della Mitsubishi Electric in Italia, Agrate Brianza (prov. di Monza)

Come ha illustrato la dott.ssa Roberta Salvaderi, la Mitsubishi Electric “agisce in applicazione dei valori che guidano le nostre attività: Fiducia, Qualità, Tecnologia, Etica & Conformità, Solidarietà, Ambiente e Società. La filiale italiana è impegnata da diversi anni nello sviluppo di un ampio programma di Responsabilità Sociale d’Impresa, che comprende numerosi progetti e iniziative sia a livello locale che nazionale, in diversi ambiti: tutela del patrimonio artistico, sostegno ad istituzioni museali, collaborazione con il mondo universitario e della formazione e contributo alla realizzazione di programmi sportivi per l’integrazione di persone con disabilità.”

I prodotti e le soluzioni offerte al mercato dalla Mitsubishi Electric in Italia sono:

  • Climatizzazione
  • Automazione industriale
  • Automotive
  • Semiconduttori

Mitsubishi Electric è leader mondiale nei sistemi di climatizzazione per ambienti residenziali, commerciali e per usi industriali.

Con una vasta gamma di tecnologie di automazione e di processo, inclusi controllori, azionamenti, prodotti per la distribuzione e il controllo dell’energia, EDM (Electrical Discharge Machines, macchine per elettroerosione), macchine a fasci di elettroni, macchine utensili laser, macchine CNC (Computer Numerical Control) e robot industriali, Mitsubishi Electric contribuisce ad aumentare il rendimento e la qualità degli impianti di produzione.

Le tecnologie per la realizzazione di apparecchiature automotive di Mitsubishi Electric sono alla base di molti dei veicoli comuni, ibridi e a energia pulita costruiti dai principali produttori mondiali di automobili.

Mitsubishi Electric produce semiconduttori che includono moduli di potenza e dispositivi ad alta potenza in grado di gestire un controllo estremamente efficiente dell’energia, dispositivi ottici che garantiscono le prestazioni necessarie negli apparecchi per comunicazioni a fibra ottica, dispositivi ad alta frequenza che coprono tutti i tipi di comunicazioni, da quelle radio a quelle dei cellulari e satellitari.

Le ragioni della scelta della Mitsubishi Electric come azienda partner dell’IISS “Da Vinci – Majorana”

Veduta parziale dell’IISS “Da Vinci – Majorana” di Mola di Bari

Nel presentare l’azienda partner, la prof.ssa Chiara Furio ne ha evidenziato la scelta con il preciso obiettivo di rappresentare agli studenti e alle famiglie la necessità di “sprovincializzare” l’approccio al mercato del lavoro. Studenti e famiglie – ha detto la prof.ssa Furio – dovrebbero considerare la totale globalizzazione del mondo industriale che, pertanto, implica per i tecnici un inserimento e una crescita professionale ovunque in Italia e anche all’estero, peraltro con l’indispensabilità di una buona padronanza della lingua inglese.

In ogni caso, il funzionario dell’azienda partner, Andrea Pagan, ha chiarito che molte delle figure professionali della Mitsubishi Electric operano da remoto in diverse zone d’Italia, pur in assenza di sedi fisiche della società, utilizzando al meglio i canali dello “smart working”.

I rappresentanti dell’azienda partner hanno inoltre illustrato la piattaforma “Mentor Me”, il progetto di E-Learning della Mitsubishi Electric per la formazione tecnica e professionale nelle scuole, in particolare per le attività di PCTO.

Si tratta di una vera e propria esperienza di telelavoro, guidata da un tutor esperto, che favorirà l’acquisizione di competenze fondamentali in ambito professionale.

Gli studenti, proprio come accadrebbe in un contesto “fisico” aziendale, si troveranno alla loro scrivania, in questo caso virtuale, di fronte a incombenze da svolgere, strategie da individuare, contenuti da studiare e rielaborare, idee da progettare e portare a termine.

Lo scopo primario dello smartworking Mitsubishi Electric, sarà portare gli studenti a riflettere sull’attività dell’azienda attraverso un modulo formativo introduttivo, per arrivare a individuare il settore di formazione tecnica più vicino al proprio orientamento personale e al bagaglio scolastico acquisito, per mettersi alla prova in maniera operativa.

Nello specifico, gli studenti del PCTO organizzato dai prof. Furio e Susca frequenteranno il percorso Mitsubishi dell’Automazione industriale e meccatronica. E’ altresì disponibile il modulo “climatizzazione” per altri percorsi di PCTO.

Non solo lavoro dipendente, anche “start up” per promuovere l’autoimprenditorialità

Nel corso del dibattito, al quale ha dato il suo significativo contributo la prof.ssa ing. Patrizia Todisco, hanno partecipato anche alcuni studenti.

Nella discussione è emersa la necessità di favorire non solo le prospettive di inserimento nelle realtà industriali del Nord Italia – oltre che nel ben avviato distretto della meccatronica pugliese, con punte di eccellenza nella zona industriale di Bari – ma anche di stimolare l’auto imprenditorialità dei giovani diplomati tecnici dell’IISS “Da Vinci – Majorana”.

In particolare, si è fatto riferimento all’opportunità di promuovere attività di “start up” nel campo dell’automazione e delle nuove tecnologie applicate alla meccanica, anche per favorire l’evoluzione dei comparti tradizionali dell’economia locale: ad esempio, con l’automazione applicata all’agricoltura, e nel settore edilizio, con la personalizzazione di sistemi di automazione nelle attività di costruzione. Insomma, un’ulteriore possibilità di crescita professionale con l’apporto di un contributo tecnico ad alto valore aggiunto all’economia locale.

Meccatronica, non solo uomini: una validissima specializzazione per le giovani studentesse molesi

La prof.ssa Furio ha inoltre evidenziato la fondamentale necessità che, in fase di scelta del percorso scolastico al quale avviare i propri figli dopo la scuola media inferiore, le famiglie sappiano liberarsi di alcuni deteriori luoghi comuni, con particolare riferimento alle giovani studentesse.

In sostanza, in moltissime famiglie molesi vi è l’errata convinzione che l’indirizzo di meccatronica sia esclusivamente destinato ai ragazzi e non anche alle ragazze, con la spiacevole conseguenza di classi relative a tale specializzazione, nell’IISS “Da Vinci – Majorana” di Mola, frequentate esclusivamente da maschi.

Una visione molto provinciale e limitante, che priva le ragazze molesi, quasi sempre condizionate in ambito familiare, di un’importante opportunità di studio e di successivo inserimento professionale.

A tal proposito, è importante sottolineare che la meccatronica è la disciplina che studia il modo di far interagire la meccanica, l’elettronica e l’informatica al fine di automatizzare i sistemi di produzione.

I principali campi di applicazione della meccatronica sono la robotica, l’automazione industriale, la biomeccatronica, l’avionica, i sistemi meccanici automatici degli autoveicoli.

Lavorare nel settore della meccanica non è più un lavoro di fatica: dimenticate la vecchia fabbrica dove ci si sporcava di grasso, la meccanica si è sposata con l’elettronica ed è diventata meccatronica.

Si tratta quindi di una specializzazione ad altissimo valore aggiunto, praticata in ambito lavorativo in ambienti d’ufficio o comunque in ambiti produttivi assolutamente salubri e di nessuna gravosità fisica.

La meccatronica sarà sempre più il principale lavoro del futuro in ambito produttivo e nel quale il contributo del genere femminile è fondamentale per le spiccate doti che contraddistinguono le donne nella precisione, nell’accuratezza e ponderatezza delle soluzioni e nel lavoro di squadra.

Quindi, giovani ragazze molesi il futuro della meccatronica vi aspetta!

6 Commenti

  1. Forza tutti assieme in egual misura, ognuno ha i suoi pregi e difetti. Questo stereotipo di studiare per poi abbandonare i propri paesi e regioni deve volgere al capolinea. Viviamo nell’epoca dell’illusione, dell’inganno della menzogna, delle truffe e dei furti, dove i giovani sono le prime vittime. Un ritorno al recente passato sarebbe di grande aiuto a tutti, per ritrovare quello che ci hanno sdradicato e rubato in questi decenni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here