I LETTORI CI SCRIVONO: BABY PARK DI VIA DE GASPERI NEL DEGRADO. E LE MAMME PROTESTANO

0
365

Due lettori, che per diverse ragioni preferiscono mantenere l’anonimato, ma a noi ben noti, ci hanno scritto a proposito del Parco Giochi di Via De Gasperi, allegando numerose foto: nelle loro poche ma incisive parole vi è la descrizione di una risorsa, fondamentale per la nostra infanzia, completamente abbandonata.

Ecco la prima segnalazione:
 
Buongiorno “Mola Libera”, sottopongo alla vostra cortese attenzione la situazione del parco giochi situato in Via de Gasperi, nei pressi del nostro Comune.
 
Da oltre due settimane al parco sono presenti erbacce di vario tipo provenienti da zone diverse, dopo diverse potature fatte in giro: la maggior parte sono comunque erbacce e rami potati al parco che stanno marcendo al sole e al caldo. Li trovate entrando sul lato sinistro dietro i bidoni  dei rifiuti lì presenti.
 
La situazione persiste. Al Comune lo sanno tutti, ma la situazione non cambia. Si parla tanto di igiene e di virus, ma sembra non interessare questo problema lì presente ai nostri amministratori.
 
Ad ogni modo, il parco è sprovvisto di bagni e di acqua potabile.
 
Diverse giostre sono rotte. 
 
 
 
Da tempo il Sindaco promise ai genitori dei bambini di inserire un nuovo scivolo. (Vi allego foto del cartellone fatto dalle mamme esposto all’ingresso del parco). Nulla è stato fatto.
 
 
Inoltre mancano gli igienizzanti per le mani all’ingresso. 
 
E mancano i  prodotti per igienizzare i giochi lì presenti, ogni qualvolta vengono usati.
 
Ecco la seconda segnalazione:
 
Salve “Mola Libera”, per segnalarvi la situazione del Baby park di Via De Gasperi, con numerose giostrine rotte e la mancanza della custodia.  Infatti, il Comune paga il guardiano che non c’è mai.
 
 
LE NOSTRE CONSIDERAZIONI
 
Che dire? Chiariamo innanzitutto che le segnalazioni dei lettori da noi pubblicate non hanno alcun intento politico: come abbiamo spiegato più volte, “Mola Libera” è un giornale indipendente.
 
Pertanto, non siamo nè a favore nè contro il Sindaco e l’Amministrazione comunale pro tempore e, quindi, nemmeno sosteniamo o contrastiamo l’opposizione.
 
La nostra linea editoriale è stata chiarita fin dalla fondazione del giornale: contribuire alla crescita civile, sociale, culturale ed economica della città, attraverso un’informazione pluralista e libera, senza appartenenze di partito, di gruppi di interesse economici e sociali.
 
Pertanto, ogni qual volta pubblichiamo le segnalazioni dei lettori (con foto a corredo) che evidenziano situazioni di degrado, di incuria, di abbandono, di assente o scarsa manutenzione, di malfunzionamenti, ecc., “Mola Libera” non mette sotto accusa gli Amministratori per reconditi motivi.
 
Anzi, le nostre denunce giornalistiche non hanno lo scopo di puntare l’indice accusatore: sappiamo che amministrare non è facile.
 
Tuttavia, la stampa libera ha il preciso dovere di dare piena voce ai cittadini che non ce l’hanno: in tal modo, gli Amministratori comprenderanno che ogni situazione di degrado e di abbandono della cosa pubblica avrà ripercussioni sullo stato di benessere generale e che i cittadini-elettori sapranno come far valere l’unica forma democratica di premio o di punizione verso la classe politica: il voto libero e segreto.
 
Fatta questa lunga premessa chiarificatrice, a beneficio di quei
lettori (per fortuna pochi) che ci accusano di mettere sotto pressione ingiustamente il Sindaco in carica, veniamo alle segnalazioni riguardanti il Baby-park di Via De Gasperi.
 
Un polmone verde rimasto chiuso a lungo (fu chiuso dal Sindaco Di Rutigliano e ne fu confermata la chiusura dal Commissario prefettizio) e poi riaperto dal Sindaco Colonna.
 
Tuttavia, una riapertura senza custodia, senza giostrine sicure e affidabili, senza servizi igienici e acqua potabile, senza decoro e con la gestione del verde, come in ogni parte della città, approssimata e deficitaria, non ha molto senso.
 
Le mamme dei bambini protestano: giustamente.
 
A Mola questo è l’unico spazio verde attrezzato.
 
L’altra area giochi, quella del fronte mare, non ha alcuna forma di verde e lamenta una collocazione assolutamente infelice, troppo a ridosso del mare, oltre a presentare, tuttora, una pavimentazione costituita da pietroline, molto deleterie per la sicurezza dei bambini, che il Sindaco Colonna, nelle prime settimane dal suo insediamento, promise di rimuovere e di sostituire con un fondo in gomma. Ma neanche questo è accaduto.
 
Pertanto, è nostro obbligo portare all’attenzione del Sindaco e degli Assessori competenti, oltre che dell’intera opinione pubblica, un tema che riguarda la sicurezza dei bambini, risorsa preziosa della nostra comunità, colonne fondanti per il futuro, troppo spesso ignorati dal potere politico nei loro elementari ma fondamentali bisogni: una città sicura nei percorsi casa-scuola e nelle aree giochi e per il tempo libero, un’aria salubre priva di smog e di fumi da roghi tossici, una spiaggia pubblica sicura e dotata di attrezzature a loro misura.
 
La civiltà di un popolo si nota da due elementi fondamentali: l’attenzione verso i bambini e la cura verso i diversamente abili e gli anziani.
 
A Mola, spesso, questa attenzione manca e comunque non si fa abbastanza per bambini, persone svantaggiate e anziani.
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here