NICOLA LUCENTE: “RIFIUTI NELLA PERIFERIA MOLESE: MINI DISCARICHE OVUNQUE”

0
249

L’ex attivista del Movimento 5 Stelle di Mola ci scrive per denunciare e documentare il grave fenomeno dell’abbandono selvaggio di rifiuti nelle zone di campagna a ridosso dell’abitato.

Riceviamo dal sig. Nicola Lucente e pubblichiamo:

RIFIUTI NELLA PERIFERIA MOLESE: LA COLPA NON E’ MAI VEDOVA

Il 31 maggio 2020, dopo mesi di sedentarietà sportiva ho deciso di fare joggin per le vie di campagna nell’immediata periferia molese. Ho percorso circa 5 km e mentre lo facevo una rabbia prendeva sempre più piede nella mia mente.  La causa? La presenza di innumerevoli mini discariche abusive. Rifiuti, rifiuti ovunque.

Il giorno seguente ho ripercorso lo stesso tragitto per documentare fotograficamente, ma solo in parte, i numerosissimi rifiuti abbandonati volutamente dai cittadini che oserei chiamare delinquenti. Si, sono proprio dei delinquenti coloro che con il loro gesto inquinano l’ambiente. Quello stesso ambiente che secondo la loro mente limitata è un qualcosa che non gli appartiene. Qualcuno per giunta, oltre ad abbandonare i rifiuti si adopera per bruciarli. Anche imbecilli!

Scusate lo sfogo, ma è il minimo che potrei dedicare a coloro che commettono questi reati, perché di reati stiamo parlando. 

Bene, anzi male! Queste scene hanno principalmente come responsabili due gruppi di “attori”: i cittadini, in gran parte nostri compaesani incivili e le istituzioni.

Si può e si deve agire sui due fronti!  I cittadini devono agire sui cittadini, in tanti modi senza fare gli eroi ma anche senza fare gli ipocriti! Per esempio, se vediamo nostri concittadini abbandonare rifiuti, dobbiamo avere il coraggio di denunciarli o quantomeno di “riprenderli” facendo notare loro l’ingiusto atto che stanno commettendo. Si lo so, in tanti, vigliaccamente abbandonano rifiuti in ore serali/notturne per non farsi notare, facendola franca.  E’ altrettanto vero che in tanti sono stati visti da altri cittadini sversare rifiuti sui bordi delle strade e questi ultimi sono rimasti indifferenti dinnanzi all’accaduto.     

      

Nonostante la  consapevolezza  dei vari tentativi messi in campo dalle amministrazioni locali nel contrastare l’abbandono  indiscriminato dei rifiuti nell’area rurale molese, esempio foto-trappole, sanzioni, denunce, le istituzioni molesi si sono dimostrate, ormai da decenni, fallimentari verso questo fenomeno, e non ci venissero a dire il contrario perché non sarebbero credibili neanche di fronte ai cittadini più sprovveduti. Quanto detto lo dimostrano i fatti: il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti in tutte le periferie rurali molesi non si è, nè fermato e nè ridotto. I fatti ripeto, dimostrano che è in crescita.

Cosa fare quindi? Diversificate azioni atte non solo alla repressione, messe in campo in maniera perentoria, costante e continuativa. Il tutto per un lungo periodo sino al successo delle stesse, per poi mantenere un costante controllo sul territorio. Altra azione fondamentale è il coinvolgimento dell’intera comunità molese alla promozione di iniziative pragmatiche cittadine finalizzate a rendere tutto il territorio urbano e soprattutto extraurbano più pulito e decoroso. Un esercito di cittadini con a capo gli amministratori che con il loro esempio possano coinvolgere sempre più persone al senso del rispetto verso il proprio ambiente. Un senso di rispetto che sicuramente si tradurrebbe nel restituzione da parte dell’ambiente ai cittadini e che in altre parole lo chiamerei: orgoglio reciproco uomo-terra-uomo.

Auspico che questa breve considerazione personale, possa non generare le solite riposte di circostanza da parte delle istituzioni locali, come potrebbero essere: “stiamo provvedendo a pulire la zona x,y, e zeta”, o ancora,  “abbiamo dato mandato alla ditta x”, oppure ancora, “nel nostro crono programma è previsto bla bla bla”.    

No! Basta! Per questo fenomeno ancora irrisolto, con tanta umiltà e con onestàintellettuale, questa amministrazione deve necessariamente cambiare rotta se vuole veramente bene alla propria comunità, nel senso più completo del termine.

Fiduciosamente

Nicola Lucente 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here