IN RICORDO DEL DOTT. PASQUALE MARTINELLI: IL SUO LAVORO, I SUOI IDEALI, LE SUE PASSIONI

1
2313

Il pediatra per eccellenza di migliaia di bambini molesi, da poco scomparso, è stato un medico di indubbio successo professionale, e, allo stesso tempo, un uomo di grande impegno civile, politico e culturale. Una biografia che racconta una vita di passioni, di ideali, di entusiasmo, di integrità morale. Un esempio per le giovani generazioni.

Ecco chi è stato Pasquale Martinelli

Mola di Bari, 19/08/1925 – Mola di Bari, 09/05/2020

A Mola di Bari ha frequentato le elementari.

Dopo le elementari ha studiato al ginnasio / liceo Classico Morea di Conversano, con risultati sempre brillanti.

Iscritto alla Facoltà di Medicina presso l’Università di Bari, si è laureato il 28/01/1950 a soli 24 anni, con il massimo dei voti e la Lode.

Una volta laureatosi è rimasto in clinica medica facendo parte dell’equipe del Prof. Chini.

Trascorso un periodo in clinica medica, scoprì la sua vera passione per la Pediatria, iscrivendosi quindi alla scuola di specializzazione, anche qui con brillanti risultati.

Al termine, fu chiamato dal Dott. Raffaele Nitti, direttore dell’IPPI di Bari (Istituto Provinciale Per l’Infanzia, poi IPPAI, in Via Amendola) come suo Aiuto.

Primo al concorso che avrebbe designato il nuovo direttore dell’Istituto, andato in pensione il dott. Nitti, ne prese il posto, che mantenne fino al pensionamento nel 1988.

E’ riuscito nel corso degli anni a trasferire la sua passione ed il suo entusiasmo nell’Istituto che ha diretto, rendendolo molto simile ad una famiglia e permettendo, assumendosene la piena responsabilità, che i bambini trascorressero alcune festività a casa delle bambinaie a cui erano affidati.

Negli anni 70 l’attività raggiunse il suo apice con il Direttore dott. Pasquale Martinelli che nel 1974 aprì le porte dell’Istituto all’esterno, con permessi speciali durante le festività natalizie, uscite temporanee, visite guidate e, con grave sensibilità, rese l’Istituto aperto a tutte le iniziative psico-pedagogiche e ricreative finalizzate a gettare un ponte oltre le murature per stabilire un rapporto con la società. La costituzione dei gruppi di tipo familiare affidati alle Educatrici d’Infanzia con la collaborazione delle bambinaie, portò a notevoli risultati tanto che lo sviluppo psico-motorio, il comportamento, la socialità dei piccoli si andò avvicinando agli Standard normali.” (tesi di laurea del 2018 della Dott.ssa G. Lops sull’IPPAI).

E’ stato anche il Pediatra di “tutti” i bambini molesi e di alcuni paesi vicini, meritandosi la stima e il riconoscimento unanime.

Il dott. Pasquale Martinelli nel suo studio, nel 1974

Il suo interesse e le sue passioni non si limitarono alla medicina, ma andò ben oltre ed ogni suo interesse diventava oggetto di approfondito studio.

Iniziò da giovane con la passione per la politica. Uomo di profonda fede cattolica, è stato socio fondatore della Democrazia Cristiana a Mola nel 1944.  Durante le prime elezioni teneva comizi, e ne aveva organizzati anche alcuni per l’On. Aldo Moro.

Ha amato la fotografia, realizzando addirittura in casa una camera oscura. Suggestivi e carichi di pathos i primi piani alle persone care, agli sconosciuti, alla natura, agli attrezzi di uso quotidiano, al suo cielo stellato, alla sua Mola e a Coredo (TN), paesino della Val di Non, sulle Dolomiti del Brenta, dove ha trascorso con zii e cugini parte della sua giovinezza ed in seguito tutte le estati con la sua nuova famiglia fino ai primi anni 70. Coredo e’ stato il suo paese adottivo, il posto dove aveva eletto il domicilio del suo cuore.

La musica classica e il jazz lo accompagnavano nelle sue serate di approfondimenti professionali, portandolo ad avere una notevole raccolta discografica.

Il dott. Pasquale Martinelli, nel 1973, all’inaugurazione della mostra artistica del pittore Franco Colella, con l’On. Lattanzio (a sinistra), presso la galleria d’arte “Onofrio Martinelli” di Mola

Si appassionò alla campagna, curandola in prima persona e studiandone ogni minimo aspetto, potatura, concimazione, irrigazione.

L’Astronomia fu un altro argomento a cui si appassionò profondamente, divulgandola e organizzando osservazioni pubbliche con il suo telescopio. Fu membro del gruppo Astrofili di Bari e relatore in molte conferenze.

Un uomo poliedrico dunque, che non si soffermava mai alla superficie di un problema, ma ne sviscerava a fondo i contenuti con grande professionalità, competenza e umanità: gli attestati di profonda stima, riconoscenza e apprezzamento giungono da tutti coloro che lo hanno conosciuto.

Nel 1963 si sposò ed ebbe 4 figli, che ha curato ed allevato con scrupoloso ed infinito amore, cercando di trasferire loro quotidianamente e fino al suo ultimo respiro, i suoi ideali, le sue passioni, la sua integrità morale, il suo entusiasmo e la convinzione che la vita meriti di essere vissuta nella sua profondità, che i rapporti interpersonali debbano essere veri, reali, profondi, intensi.

___________

Il Trigesimo si terrà il 13 giugno alle ore 19:00 nella Chiesa Matrice.

Il dott. Pasquale Martinelli, con la moglie e i quattro figli

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here