IL PORTO DI MOLA NELLA RETE “METRO’ DEL MARE” TRA ITALIA E GRECIA

0
247

Lo scalo portuale molese farà parte di un percorso crocieristico tra Italia e Grecia. Come già anticipato da “Mola Libera”, nei giorni scorsi il Sindaco di Mola ha partecipato ad un incontro con la Regione Puglia e i governatori delle Regioni greche coinvolte per delineare gli obiettivi da condividere.

Comunicato stampa del Comune di Mola

Il Porto di Mola di Bari nella rete dei porti turistici transfrontalieri Italia-Grecia, dichiarazione del sindaco Colonna: “Il progetto Interreg di 2milioni di euro entra nel vivo. Una svolta attesa e che adesso si concretizza nell’ambito di una visione complessiva”

“Entra nel vivo il progetto di riqualificazione del fronte mare a sud di Mola che comprende tutta l’area portuale, fino ad ora caratterizzata, nel tratto compreso tra i due moli del porto, da una forte situazione di degrado urbano e ambientale, dovuto alla presenza di ampi spazi non qualificati, sottoutilizzati o destinati a funzioni non compatibili con la vita cittadina.  

Nei giorni scorsi ho partecipato al primo incontro strategico nell’ambito del progetto Interreg “AI SMART – ADRIATIC IONIAN SMALL PORT NETWORK”, con la Regione Puglia e i governatori delle regioni greche coinvolte, Epiro, Isole Ioniche, Grecia Occidentale. Il nostro progetto diventa parte integrante ed essenziale della rete dei porti turistici transfrontalieri della Grecia e della Puglia. Un porto intelligente, verde e integrato che cambierà volto e prospettive a tutta la zona costiera di Mola, in continuità con l’importante intervento di rigenerazione urbana sul lungomare Dalmazia e quello a nord che prevede la realizzazione di una spiaggia cittadina, attesa da tanto tempo.

Anche grazie al finanziamento complessivo di due milioni euro ottenuto dall’amministrazione comunale nell’ambito di questo progetto specifico del programma Interreg Italia-Grecia, il nostro porto sarà parte integrante di un percorso crocieristico. Si tratta di un momento storico per la nostra città che si apre a nuove e stimolanti prospettive di sviluppo e di crescita occupazionale, sociale, culturale e turistica. L’obiettivo del progetto, infatti, è, da una parte, razionalizzare parte dell’area portuale integrando, compatibilmente, le funzioni tradizionali legate alla pesca con quelle più innovative del turismo. Dall’altra, contribuire alla creazione di un sistema continuo e completo di più funzioni urbane ed extraurbane, volte a completare la fruizione del fronte mare di Mola, rafforzando i fattori di attrattività e competitività turistica del territorio.

Diversi tipi di interventi in programma: la ristrutturazione dei manufatti destinati agli uffici della capitaneria di porto (Loca-mare); la razionalizzazione degli spazi per la mobilità e la ciclo-pedonalità; realizzazione di nuovi spazi funzionali per le attività e i servizi del turismo e del commercio; la continuazione fisica e funzionale del Fronte mare cittadino (accessi al mare e percorso in quota con belvedere); la messa in sicurezza delle aree del molo foraneo per la fruizione pubblica e la valorizzazione scenografica delle strutture architettoniche; l’adeguamento e l’integrazione degli impianti tecnologici a rete; la realizzazione di opere a mare (scogliere) di protezione e mitigazione degli effetti meteomarini; la realizzazione di un punto di attracco/ accesso per il Metro Mare”.

Mola di Bari, 21 dicembre 2019

L’Ufficio Stampa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here