“BUSTA SELVAGGIA”: FINALMENTE RIPRISTINATO IL SERVIZIO DI FOTOTRAPPOLE

0
241

Con la determina pubblicata ieri, 8 novembre, dopo oltre 6 mesi di inattività, il Comune ha affidato il servizio di foto e video trappole per il monitoraggio e la repressione dello sversamento illecito di rifiuti sul territorio comunale. Tuttavia, il servizio non prevede una durata temporale, ma 80 interventi complessivi. “Mola Libera” pubblicherà le foto e i video degli “sporcaccioni” in azione che il Comune vorrà mettere a disposizione.

Tanto tuonò che piovve.

Finalmente, dopo almeno 6 mesi di inattività del servizio di monitoraggio dello sversamento illecito di rifiuti attraverso il sistema di foto e video trappole, il Comune di Mola corre ai ripari.

Con determinazione n. 214 del 17-10-2019 (però pubblicata nell’Albo pretorio soltanto ieri 08-11-2019), il Capo settore della Polizia Municipale e amministrativa, dott. Vito Tanzi, ha affidato il “Servizio di potenziamento dei controlli in materia ambientale, repressione dell’abbandono incontrollato dei rifiuti e gestione delle telecamere già presenti sul territorio comunale”.

Nello specifico, con la determina, a seguito di indagine di mercato, è stato convocato l’operatore economico RemoteSystem di Michele Righetti, quale ditta specializzata nel settore dei controlli in materia ambientale, con l’accettazione del suo preventivo di importo pari ad € 150,00 per ogni intervento.

Tale offerta, accettata dal Comune di Mola, prevede le seguenti attività: gestione di n. 3 telecamere già presenti e installate nel territorio e n. 5 fototrappole di proprietà del Comune; gestione di n. 3 fototrappole, di proprietà della ditta Remote System, utili alla registrazione degli eventi in Full HD per una durata massima di 24 ore; autocivetta dotata di telecamera interna più SARP (drone) con personale specializzato e certificato per monitoraggio di aree rurali.

L’affidamento prevede l’esecuzione di n. 80 interventi, per l’intero territorio comunale, al costo complessivo di € 12.000,00.

Se da un lato, finalmente, si pone fine all’assenza di un servizio essenziale e strategico per la prevenzione e repressione dell’abbandono illecito dei rifiuti nel territorio comunale, d’altro canto va evidenziato che si tratta di un servizio a termine, non nella durata temporale ma nel numero di interventi eseguibili che saranno, in totale, n. 80.

Purtroppo, conoscendo la frequenza di abbandono illegale di rifiuti nel nucleo abitato, nelle campagne e lungo la fascia costiera, non è difficile immaginare che tale numero sia destinato, se il servizio vorrà essere veramente incisivo ed efficace, ad essere esaurito in breve tempo.

E quindi tra non molto saremo probabilmente punto e a capo.

Diverso sarebbe stato il caso di un servizio di durata almeno annuale senza la previsione di un numero di interventi preordinato, come nel caso del contratto che è stato stipulato con la ditta “RemoteSystem”.

Non ci resta che incrociare le dita, sperando che la deterrenza del sistema, comunque ripristinato, e le severe sanzioni scoraggino gli “sporcaccioni” nostrani e d’importazione a perseverare nella deleteria e fortemente nociva pratica della “busta selvaggia”.

Come già detto in molte altre occasioni, “Mola Libera” sarà ben lieta di ospitare le foto e i filmati degli incivili in azione che il Comune vorrà mettere a disposizione dei media locali, con l’auspicio che la pubblicazione serva da monito ai potenziali trasgressori delle norme ambientali.

Allo stesso tempo, continuiamo a sollecitare l’Amministrazione comunale a rendere noto un rapporto con il numero, la tipologia delle infrazioni, i luoghi di sversamento e l’ammontare delle sanzioni comminate nell’ultimo anno e di quelle che verranno comminate d’ora in avanti con il ripristino del servizio di monitoraggio.

Ecco il testo completo della determina:

(per scorrere il documento, cliccare in basso a sinistra sulle icone con le frecce)

Determina_con_dati_pubblicazione_8179
Uno dei tanti incendi di materie plastiche in agro di Mola, documentati dai nostri lettori

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here