“KEKKO PASSA LA PALLA”. IL CAMPIONE FRANCESCO MORIERO AL “GABBIANO”

0
305

Lunedì 24, ore 18:30, l’evento organizzato da Lorenzo Giliberti con la presentazione del libro che racconta la carriera del famoso calciatore.

Francesco “Kekko” Moriero, ex giocatore di serie A di Lecce, Cagliari, Roma, Inter e Napoli, che ha vinto una prestigiosa Coppa Uefa nell’Inter nel 1998, ed ex compagno di squadra di giocatori come Ronaldo, Totti, Baggio, Vieri, Zanetti, Bergomi e tanti altri campioni, presenterà il suo libro “Kekko, passa la palla!”, scritto con la collaborazione di Luca Carmignani e Luca Tronchetti, nell’ambito della manifestazione “GustiaMola”, con il patrocinio del Comune di Mola.

Lorenzo Giliberti

Si tratta di un‘iniziativa organizzata da Lorenzo Giliberti, giovane e appassionato tifoso dell’Inter, che segue la squadra spesso anche all’estero.

L’incontro con Kekko Moriero, con la presenza del giornalista sportivo Antonio Bartolomucci, si terrà Lunedì 24 giugno presso la sala conferenze dell’Hotel Gabbiano alle ore 18:30.

Francesco Kekko Moriero, nasce a Lecce nel quartiere 167, il 31 marzo 1969.
Il primo anno da titolare nel Lecce, Moriero, percorre i 10 km che lo separano dallo stadio, con l’unico mezzo che aveva a disposizione: le sue gambe.

Francesco “Kekko” Moriero con la maglia dell’Inter

Provate a paragonare questa situazione con quella di moltissimi giovani calciatori attuali: la differenza è abissale eppure parliamo del 1987, non della preistoria. Ma la differenza se pensate che sia a suo sfavore, vi sbagliate. Le difficoltà fortificano, se prese nel giusto modo, se si è guidati dalle persone giuste, se si ha la fortuna di incontrare sulla propria strada chi ti sa capire, comprendere ed educare.

Kekko è cresciuto nel quartiere 167, dando i primi calci ad un pallone nei campetti sterrati, come quello chiamato “la Staffa”, proprio davanti a casa sua.

E’ su questi campi sterrati che è sbocciato il talento purissimo di Moriero. Lì, fra la polvere, effettuava le sue prime rovesciate, autentico marchio di fabbrica. Anche con il vestito della prima comunione.

Per questo, quando si è trovato sui campi difficili, come quello dello Spartak Mosca nella famosa partita della semifinale di Coppa Uefa del 14 aprile 1998, Kekko non ha fatto una piega, mostrando giocate di classe cristallina su un terreno che assomigliava più ad un campo di patate che ad un campo di calcio.

Per questo, le sue rovesciate hanno incantato il mondo intero ed ancora oggi, sono lì da vedere e da gustare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here